skip to Main Content

Ciclo di Workshop 2021

Benvenuti alla terza edizione di ROBOTICS, Festival di Arte e Robotica e altre tecnologie, che quest’anno tratterà in particolare il tema della Natura BioRobotica.

L’evento si comporrà di diversi workshop a partire dal mese di ottobre 2021. I workshop proposti nel corso del festival sono un capitolo di formazione rivolto prevalentemente ai giovani, ai ragazzi delle medie superiori e agli artisti, finalizzato ad una produzione creativa che si serve delle tecnologie abilitanti di Industria 4.0.

Sono già disponibili i moduli per iscriversi ai primi due workshop dedicati all’aggiornamento sull’intelligenza artificiale e al videogame design.

Intelligenza artificiale

ANTEPRIMA per ROBOTICS, FESTIVAL DI ARTE E ROBOTICA E ALTRE TECNOLOGIE

III Edizione

UN ROBOT PER DIPINGERE CON GLI OCCHI

L’avvio alla terza edizione del Festival ROBOTICS coincide con la presentazione di ARTE E TECNOLOGIA – Un robot per dipingere con gli occhi – un insolito evento artistico/robotico prodotto dal prof Paolo Gallina dell’Università di Trieste, e dal prof Lorenzo Scalera dell’Università di Udine, allo Urban Center di Trieste, in corso Cavour 2/2 giovedì 16 settembre 2021, alle ore 17.00.

Locandina Urban Robotics

ROBOTICS, FESTIVAL DI ARTE E ROBOTICA E ALTRE TECNOLOGIE

Avviato il ciclo di Workshops- entusiasmanti, coinvolgenti, dove l’apprendimento si è incrociato ad un’intensa spinta al fare – ecco che si delineano le altre tappe del FESTIVAL. Innanzi tutto la mostra nel cuore del Science in the City Festival (ESOF) al Magazzino 27 del Porto Vecchio che si svolgerà dal 29 agosto al 6 settembre, con orario 10.00 – 22.00.

Qui sotto il link con tutti gli appuntamenti e le sedi

Ricordiamo la necessità di prenotazione per la visita al Magazzino 27, con la registrazione presso ESOF, modulo per COVID 19, necessari per poter accedere anche al webinar.

GENERAL INFO SUL SITO ESOF2020:

Ciclo di Workshop | PROGRAMMA DI FORMAZIONE

Con il contributo della Regione FVG, il sostegno della Fondazione Pietro Pittini che guarda soprattutto alla formazione dei giovani e quello della Fondazione Foreman – Casali, siamo in grado di affrontare un percorso che spazia appunto tra Arte, Scienza, Tecnologia. E incominciamo da un ciclo di workshop incentrati sulle nuove tecnologie, in particolare quelle più utilizzate dagli artisti, cioè con un programma di formazione, come premessa al core del Festival, incentrato sulla doppia mostra internazionale al Magazzino 26, nel cuore del Porto Vecchio, in concomitanza con il Science of the City Festival, e al Museo Carà di Muggia, con il partenariato del Comune di Muggia.

I cinque workshop programmati si snodano in una prima fase in streaming, tra fine giugno e luglio; due di essi, il workshop di VIDEOMAPPING INTERATTIVO e MAKING VR proseguono, in presenza, tra settembre e ottobre.

See the Sea Change | OPEN CALL FOR ARTISTS
Con la collaborazione di OGS (Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale)

See the Sea Change: The oceans and their seas represent the cradle of Life on our Planet. Planet Earth, the blue marble, formed about 4.5 billion years ago and 3.8 billion years ago the oceans formed. The water either had arrived from bombarding meteorites or came from the rocks within and ultimately life happened. First appeared microbial cells (Bacteria and Archaea) and then more complex microbial life, our microscopic proge- nitors. It took a while to have the multicellular complex organisms that are still evolving today and represent the World Biodiversity Heritage. The more we explore the ocean the more we know that we don’t know and maybe we will never know it entirely. A remarkable aspect is that the sea is constantly changing and evolving naturally,but also due to the anthropo- genic pressures exerted by humans. Pollution (chemical, physical or acoustic), acidification (pH is decreasing due to more CO2 being absorbed from the atmosphere), temperature rising, glacier melting, sea level rising and climate change are shaping the sea in an unprecedented way. How the sea biodiversity is responding to these changes must be investigated.

Back To Top
×Close search
Cerca